Vai alla barra degli strumenti

Banche Italiane? Analisi del FTSE Italia All Shares Banks

Banche Italiane? Analisi del FTSE Italia All Shares Banks

Settore bancario in fermento in tutta Europa ad aprire le danze è Deutsche Bank.

In Italia si passa prima da Carige, la banca ligure cerca un partner, mentre Monte dei Paschi di Siena entro fine anno dovrà presentare alla Commissione UE una strategia nuova sopratutto a fronte dell’uscita del Ministero delle Finanze.

Nelle sale operative si vocifera di un matrimonio fra la terza e la quarta banca italiana, Banco Bpm e Ubi Banca, ma sul tavolo dei due amministratori delegati non c’e’ niente di concreto.

Torniamo in Europa e analizziamo il caso non solo di Deutsche Bank ma quello passato in sordina di Sociètè Gènèrale.

Mentre in Italia il problema Banca ha il focus sugli NPL, in Europa le Banche partono dal fallimento del modello di business adottato, di qui la necessaria ed irruenta riorganizzazione.

Infatti sia Deutsche Bank che Sociètè Gènèrale hanno avviato procedure di ristrutturazione con il fine della sopravvivenza.

L’intenzione di Deutsche Bank e’ creare una bad bank da 74 miliardi di euro e dirottare i titoli in perdita della sua Investment Bank statunitense, sembra quasi che si prosegue con al sceneggiatura del Film “The Big Short”.

Di fatto così come è stato per Sociètè Gènèrale anche Deutsche conferma la chiusura graduale delle attività di trading e ridurrà del 40% la sua attività di Investment Banking ovvero negoziazione titoli e obbligazioni.

Grande crisi per i mercati del Trading? Eppure Wall Street segna i massimi.

Intanto L’indice FTSE Italia All Shares Banks ha raggiunto un nuovo livello di resistenza, grazie alla complicità del rialzo dei giorni scorsi.

I livelli di RESISTENZA sono 8375 e 8400 punti indice.

I livelli di SUPPORTO sono 8000 e 7900 punti indices.

In caso di violazione al ribasso dei SUPPORTI le Banche dovranno mettere mano al capitale.

SantePTrader

Sante Pellegrino Trader dal 1998 aka santeptrader.com Ho frequentato la facoltà di Sociologia, presso l’Università di Urbino. Appassionato dei mercati finanziari, nel 1997 ho proseguito il percorso di studi conseguendo il Master in Management BANKING & FINANCIAL and CAPITAL MARKET. Nel 1998 ho lavorato come Bond Trader & Market Maker Obbligazionario in Banca sino al 2002, anno in cui ho deciso di realizzare da indipendente la carriera da Trader. Ho maturato una grande esperienza dei Mercati Finanziari ed a tutt’oggi collaboro con primarie Istituzioni Finanziarie. Ho lavorato e lavoro per alcune Banche e Istituti di Trading Finanziario. Faccio Trading sui Mercati Finanziari Regolamentati, tra cui Borsa Italiana, Nyse, London Stocks Exchange, Chicago Mercantile Exchange, Eurex. Gli strumenti finanziari che utilizzo sono Azioni, Obbligazioni, Futures & Options. Sono Trader Direct Market Access, autorizzato Mifid II regolamentato dall’ESMA. Esperto in Trading Algoritmico & Quantitativo realizzo Automatic Trading System. Sono Project Manager per la realizzazione di sistemi di Electronic Brokerage e High Frequency Trading. Sono Project Manager e Job Assistance Istituctional per la realizzazione di progetti Bancario/Finanziario. Attivo nella programmazione di software con linguaggi proprietari, tra cui Tradestation, Multicharts, E-SIGNAL, Choerence by List Group, Visual Trader (Traderlink) e principali piattaforme di Trading Professionali tra cui Bloomberg, Choerence By List Group, ORC By Itiviti, Playoptions. Nel 2003 in partnership con INTESATRADE Sim SPA (ex CABOTO SIM) Gruppo Banca Intesa, ho realizzato la prima Trading Room Italiana autorizzata da BankIt & Consob. Durante gli anni di vita della Trading Room ho formato la clientela della stessa, oltre 1500 Clienti/Trader a Mercati e Denaro Reale. Ho contribuito agli sviluppi dell’attuale piattaforma T3, oltre che a software di Analisi ed High Frequency Trading, ancora funzionante ed apprezzati. Nel 2013 Banca Intesa ha ceduto la società al Gruppo Banco Popolare di Milano di cui WeBank Spa, con la stessa tutt’oggi collaboro. Speaker e Relatore dal 2003 per Alternative Investment Forum, TolExpo di Borsa Italiana e Italian Trading Forum. Ho contribuito in modo significativo alla realizzazione di eventi di Formazione ai quali hanno partecipato Istituzioni tra cui Borsa Italiana, Chicago mercantile Exchange, Eurex e BCE. Ospite regolare e è già relatore per Italian Trading Forum, TolExpò (borsaItaliana), CFNCNBC, LeFontiTV e per diverse Banche Italiane. Autore ed Analista Tecnico/Grafico per SantePTrader.com, TrendOnLine, TraderLink, TradingView.com. Buon Trading Sante Pellegrino I Contenuti disponibili su questo blog non sono diretti in alcun modo alla sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario. I Contenuti sono personali per motivi di studio e di ricerca e non per uso commerciale.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: