Annunci

Un aiuto all’Italia la scelta di rimandare la decisione sui tassi della #bce ?

Settimana sotto i riflettori questa appena trascorsa per la nostra #italia, la comunità europea al #def (documento economico finanziario) ed al #dpd (documento programmatico di bilancio) aggiunge qualche postilla, e chiede una netta revisione.

Ad alzare la voce e tuonare contro il governo “italiota” sono proprio tutti, a partire dalla stessa Bruxelles con in capo Austria e Olanda, i cui ministri chiedono di intervenire con la “procedura di infrazione” nei confronti della stessa #italia, a bocciare la manovra anche l’#fmi (fondo monetario internazionale), che sottolinea come lo stimolo del #deficit #pil al 2,4% è molto incerto ed intanto #conte e #tria chiedono flessibilità a #junker. . . che oggi indossava scarpe di colore diverso.

A “difendere e bacchettare” l’Italia c’è anche “super” #mariodraghi, presidente in carico della #bce, il quale rimanda a dicembre non solo la decisione dei tassi ma anche una rivalutazione del #QE (quantitative easing), lanciando così all’#italia e non sol un monito e cioè chi di spread ferisce di spread si “auto punisce”!

 

Il mercato #azionario continua a navigare a vista, la situazione rimane molto delicata, con dei minimi di mercato che toccano i supporti di 18800 / 18500 punti indice, livelli di punti indice che rappresentano l’inizio del prossimo “capolinea”?

Se l’indice #ftsemib non reagisce con forza da questi livelli, assieme ad un’ulteriore impennata della volatilità, lo stesso indice sarà destinato a navigare verso i supporti più bassi, tra cui 18000 / 17500 punti di indice, il ché vuol dire tornare indietro ai valori di mercato che non si vedevano dal 2016.

Nonostante le ottime notizie arrivate dalla #bce riguardo gli #stresstest delle #banche, che mettono in luce la solidità del gruppo #bancaintesa, inoltre, malgrado gli ottimi risultati della stessa banca riguardo gli utili trimestrali da record che ammontano a quasi 830 milioni di euro sono nell’ultimo trimestre e con una previsione di utile di fine esercizio a 4 miliardi di euro, proprio il titolo #bancaintesa, che tra le #bluechip rappresenta il fiore all’occhiello del nostro indice #ftsemib oggi risulta essere tra i peggiori del listino azionario . . . per di più durante la settimana il titolo di #banca #carige è stato sospeso a data da destinarsi . . . son tempi duri ma mai perdere le speranze.

Buon #trading

#santeptrader

 

Annunci

SantePTrader

Sante Pellegrino #trader indipendente specializzato nel comparto del #mercato #azionario, #obbligazionario e #derivati. Gli studi Sante Pellegrino ha frequentato la facoltà di Sociologia presso l’Università di Urbino. Appassionato dei #mercati #finanziari, ha proseguito il suo percorso di studi conseguendo il Master Universitario in Finance & Banking del MIB School of Managment. Il percorso lavorativo Nello stesso anno ha iniziato a lavorare come #bond #trader in banca. Dopo un’esperienza annuale, come #trader sui #mercati #finanziari, Sante Pellegrino ha continuato la sua crescita professionale come #trader professionista indipendente, maturando negli anni una grande esperienza nel comparto dei #mercati #finanziari . Nel 2004 in partnership con INTESATRADE Sim SPA (Gruppo Banca Intesa) avvia la prima #tradingroom Italiana. Sante Pellegrino partecipa come relatore a diverse manifestazioni come Alternative Investment Forum, TolExpo di Borsa Italiana ed a diverse edizioni dell’ITForum di Rimini. Ospite regolare presso le trasmissioni televisive ed in particolare ospite di CFNCNBC e LEFONTI.TV